Studi legali Dubai

Scrivici a case@lawyersuae.com | Chiamate urgenti + 971506531334 + 971558018669

Come utilizzare la legge sull'arbitrato negli Emirati Arabi Uniti per proteggere i tuoi diritti?

Legge federale sull'arbitrato negli Emirati Arabi Uniti

Legge sull'arbitrato negli Emirati Arabi Uniti

avvocati arbitrali negli Emirati Arabi Uniti

Dicono che l'arbitrato sia in uso da secoli, con alcuni degli scritti di Platone sull'argomento sopravvissuti fino ad oggi. Anche nell'odierno Medio Oriente, gli storici fanno risalire la pratica dell'arbitrato agli albori dell'Islam. Un altro timestamp che risale ancora più indietro indica l'uso dell'arbitrato da parte del famoso re Salomone. 

Sappiamo per certo che il moderno "Arbitrato" è stato formalizzato come metodo alternativo per risolvere le controversie quando il Parlamento britannico ha promulgato lo statuto nel 1697. E che la prima testimonianza della parola stessa era di Shakespeare, nel suo "Troilus" fin dal 1602. Sebbene la parola non sia cambiata, sembra che lo scopo che rappresenta e la sostanza che contiene si stiano evolvendo. 

Lo status dell'arbitrato come metodo principale per risolvere controversie complesse, commerciali e transnazionali non è una sorpresa: si pone come un'alternativa collaudata ai tribunali. L'arbitrato è un metodo popolare di risoluzione delle controversie per le imprese in destinazioni commerciali privilegiate come gli Emirati Arabi Uniti. La preferenza è perché offre diversi vantaggi rispetto al contenzioso tradizionale grazie alla sua velocità, riservatezza e flessibilità.
Se è emerso anche qualcos'altro, è che non sono solo le controversie commerciali che derivano da accordi commerciali. Anche le violazioni dei diritti umani sono tipiche. Sfortunatamente, far rispettare i diritti umani individuali contro gli abusi da parte delle aziende attraverso le controversie tradizionali è un processo teso. Fortunatamente, questo sembra destinato a cambiare, grazie ai nuovi sviluppi nell'arbitrato.

Arbitrato e "Diritti?"

Normalmente, per proteggere i tuoi diritti umani, devi andare in tribunale. Come tutti sappiamo, questo è un processo lento e che richiede tempo. Per fortuna, puoi far valere i tuoi diritti tramite arbitrato senza dover entrare tra le quattro mura di un tribunale.

Per capire come ciò sia possibile, è meglio iniziare con l'avvento dell'arbitrato per affari e diritti umani nel 2013. Quell'anno, il La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che l'Alien Tort Statute del 1789 non si applicava al di fuori degli Stati Uniti. La decisione ha sostanzialmente negato alle vittime di violazioni dei diritti umani da parte delle aziende l'accesso ai tribunali statunitensi per ottenere un risarcimento per presunte violazioni dei diritti.

Grazie a quella posizione, è diventato di dominio pubblico che l'arbitrato potrebbe essere un metodo alternativo di risoluzione delle controversie per le società e i titolari dei diritti per risolvere le controversie. A guidare questa nuova frontiera sono le Regole dell'Aia sull'arbitrato delle imprese e dei diritti umani (BHA) ("le Regole sull'arbitrato dei diritti umani"), varate il 20th di dicembre 2020.

Le regole "forniscono un insieme di procedure per l'arbitrato delle controversie relative all'impatto delle attività commerciali sui diritti umani". Ciò consente a stati, entità aziendali e individui di risolvere controversie con aziende e partner commerciali dinanzi a un tribunale arbitrale internazionale.

Il panorama arbitrale negli Emirati Arabi Uniti.

Gli Emirati Arabi Uniti stanno assumendo la carica a livello internazionale quando si tratta di arbitrato. Negli ultimi 5 anni, gli Emirati Arabi Uniti sono stati al centro della scena come sede di arbitrati che coinvolgono entità aziendali e commerciali con sede in Europa orientale, Africa e Asia.

Abbiamo assistito all'emergere di istituzioni di livello mondiale con regole moderne basate sulle migliori pratiche internazionali. Grazie a una legge sull'arbitrato gold-standard (legge federale n. 6/2018) e allo status di parte a New York e ad altre convenzioni regionali, gli Emirati Arabi Uniti stanno sfruttando il proprio potenziale per gestire gli arbitrati internazionali sulle violazioni dei diritti umani.

L'emanazione della legge sull'arbitrato federale nel 2018 ha riformato efficacemente gli arbitrati negli Emirati Arabi Uniti, incorporando ampiamente il modello UNCITRAL. Grazie alla legge, l'arbitrato negli Emirati Arabi Uniti è molto permissivo in quanto offre alle parti una maggiore libertà e flessibilità nella determinazione dei procedimenti arbitrali.

Inoltre, stabilisce anche il potere degli Arbitri di concedere provvedimenti cautelari e di emanare ordinanze preliminari. Questo è molto importante quando si cerca di risolvere un caso di violazione dei diritti umani.

Protezione dei tuoi diritti con la legge sull'arbitrato degli Emirati Arabi Uniti

Gli effetti delle attività commerciali sui diritti umani si manifestano in numerosi modi e sono ben documentati. Ad esempio, le attività di un'azienda e dei suoi appaltatori possono avere un impatto diretto sulle condizioni ambientali e mettere in pericolo intere comunità.

A volte, questi impatti sono anche indiretti, derivanti dalle azioni dei fornitori e dei partner commerciali nella loro catena di fornitura. Nel complesso, le aziende attraverso quanto segue:

  • Inquinamento ambientale e incidenti e problemi di salute e sicurezza con conseguente danno alla salute delle persone,
  • Lavorare in condizioni non sicure o insalubri,
  • Lavoro forzato o minorile e sottopagamento dei lavoratori;
  • Lo spostamento involontario o forzato delle comunità,
  • Lo spiegamento di forze eccessive contro i lavoratori da parte delle guardie giurate che proteggono i beni;
  • Discriminazione nei confronti dei dipendenti, ad esempio, per razza, genere o sessualità;
  • Esaurimento o contaminazione delle fonti idriche da cui dipendono le comunità locali.

Questi sono solo esempi e la gamma di questioni che potrebbero costituire questioni relative ai diritti umani legate alle imprese rimane molto ampia. 

Come regola generale, il ricorso all'arbitrato per risolvere una controversia contrattuale è possibile solo se le parti coinvolte acconsentono all'arbitrato. Quindi, nelle controversie tra un'azienda e il suo fornitore, un accordo arbitrale è tipicamente incorporato nel contratto di fornitura.

Laddove la controversia non derivi da una violazione del contratto, le parti rinviano la loro controversia all'arbitrato solo attraverso un accordo di presentazione.

Pertanto, per le questioni relative ai diritti umani legate alle imprese, ne consegue che il modo per stabilire il consenso sarebbe l'inserimento di una clausola arbitrale in un accordo multilaterale per la protezione dei diritti umani.

Questo è ciò che è generalmente in uso oggi. Un esempio di ciò è l'Accordo sulla sicurezza antincendio e degli edifici in Bangladesh.

Firmato dopo il crollo dell'edificio Rana Plaza il 24 aprile 2013 (che ha ucciso e ferito gravemente migliaia di lavoratori), l'accordo è stato creato per stabilire un programma di sicurezza antincendio e degli edifici per i lavoratori dell'industria tessile in Bangladesh. I firmatari dell'Accordo includono oltre 200 marchi globali, importatori e rivenditori in 20 paesi in 4 continenti.

Non è chiaro se i singoli possano avviare direttamente l'arbitrato. Ad esempio, le parti dell'Accordo del Bangladesh e presumibilmente altre simili sono sindacati e aziende. Di conseguenza, i lavoratori non sono in grado di avviare direttamente l'arbitrato. Presentano invece eventuali reclami in materia di salute e sicurezza attraverso un processo stabilito dall'accordo.

È interessante notare che due arbitrati per violazioni dei diritti umani sono venuti alla luce nell'ambito degli accordi fino ad oggi. Entrambe le volte, le parti hanno fatto ricorso alla transazione e i tribunali in entrambi gli arbitrati hanno emesso ordini di risoluzione.

Avvocati arbitrali esperti negli Emirati Arabi Uniti

Le innovazioni apportate dalla legge sull'arbitrato del 2018 degli Emirati Arabi Uniti stanno fornendo maggiore chiarezza e certezza per l'arbitrato commerciale e dei diritti umani. Le revisioni stanno creando spazio per una maggiore flessibilità nel modo in cui vengono generalmente condotti gli arbitrati.

Amal Khamis Advocates è specializzata nella redazione di accordi arbitrali commerciali e di investimento, nonché nella rappresentanza di clienti in procedimenti arbitrali internazionali. I nostri avvocati esperti in arbitrato sono il tuo ponte verso la protezione dei tuoi diritti o la garanzia di rimedi per qualsiasi violazione. La nostra specializzazione nella risoluzione delle controversie ci consente di sfruttare appieno la legge quando aiutiamo a condurre il tuo arbitrato.

Se hai bisogno di risolvere una controversia negli Emirati Arabi Uniti, è probabile che utilizzerai un processo di arbitrato. Questa è, dopo tutto, la pietra angolare della legge degli Emirati Arabi Uniti. In un arbitrato, una terza parte neutrale arbitra e risolve la controversia. Risolviamo problemi legali complessi e transfrontalieri in numerose aree di pratica. La nostra cultura unica ci consente di comprendere i mercati locali e di navigare in più giurisdizioni. Siamo uno dei migliori studi legali di arbitrato negli Emirati Arabi Uniti. Mettiti in contatto con noi oggi!

Scorrere fino a Top