Studi legali Dubai

Scrivici a case@lawyersuae.com | Chiamate urgenti + 971506531334 + 971558018669

7 errori comuni nella legge sull'arbitrato degli Emirati Arabi Uniti

I migliori studi legali di arbitrato a Dubai

7 errori comuni nella legge sull'arbitrato degli Emirati Arabi Uniti

Legge sull'arbitrato negli Emirati Arabi Uniti

La crescita e la globalizzazione delle iniziative e degli scambi transfrontalieri negli Emirati Arabi Uniti ne hanno fatto un punto di convergenza per affari, investitori e interessi del governo. Inevitabilmente, alcune di queste relazioni si rompono e le parti cercano immediatamente i mezzi migliori per risolvere le loro controversie. In molti casi si tratta di arbitrato.

Il quadro legale e arbitrale degli Emirati Arabi Uniti è certamente unico e complesso, con giurisdizioni onshore e offshore, di diritto civile e di common law e procedimenti sia in inglese che in arabo.

Per le parti che cercano di risolvere le controversie attraverso le opzioni arbitrali degli Emirati Arabi Uniti, il numero di scelte e considerazioni da fare può essere schiacciante. Per quanto presenti una serie di possibilità e opzioni, garantisce anche quasi la probabilità di errore.

Il motivo è che non è infrequente che le parti si affrettino in e attraverso questo processo con la stessa impazienza che ha portato a una controversia in primo grado. Possono verificarsi errori in qualsiasi fase e componente che costituisce un processo arbitrale, dalla richiesta dell'attore di arbitrato, udienze procedurali, divulgazione, dichiarazioni dei testimoni, udienza e lodo finale.

Ognuna delle fasi dell'arbitrato ha insidie ​​comuni che impigliano numerose vittime, motivo per cui un pezzo come questo può sembrare inadeguato. Indipendentemente da ciò, evidenziamo (in nessun ordine particolare) alcuni degli errori più comuni commessi nei paragrafi seguenti; e fornire misure pratiche su come evitarli.

Errori comuni nell'arbitrato degli Emirati Arabi Uniti

Controlla gli errori comuni di seguito in un processo di arbitrato efficace, dalla redazione di accordi arbitrali, giurisdizione, lodi arbitrali ed esecuzione.

1. Delega del potere di concordare l'arbitrato

La legge degli Emirati Arabi Uniti stabilisce tradizionalmente che il principale debba concedere poteri specifici a un agente prima che quest'ultimo possa impegnare validamente il principale in un accordo arbitrale. La legge prevede che il mandante dichiari espressamente nel contratto di agenzia che l'agente ha il potere di stipulare un accordo arbitrale per suo conto.

In caso contrario, esiste il rischio reale che la convenzione arbitrale contenuta in un contratto sia nulla e inapplicabile. Non importa che l'agente avesse l'autorità espressa di firmare il contratto per conto del preponente (ma non proprio la convenzione arbitrale in esso contenuta). La legge sull'arbitrato identifica ulteriormente questo come un motivo per impugnare un lodo arbitrale. Le aziende internazionali e regionali spesso trascurano questi requisiti formali portando a conseguenze disastrose.

2. Incasinare la clausola arbitrale

La stretta relazione tra il processo di arbitrato e la clausola compromissoria in un contratto lo rende una faccenda molto delicata. Un piccolo errore di redazione può portare a costi e ritardi inutili o addirittura a una battaglia giudiziaria sull'esistenza di un accordo per interpretare tale clausola. Alcuni degli errori comuni con le clausole includono;

  • Fornire termini irragionevolmente brevi per il tribunale,
  • nominare ad agire un'istituzione o un arbitro che non esiste o è stato nominato erroneamente o si rifiuta di agire,
  • Redazione di una clausola incompleta,
  • Fissando inavvertitamente limiti all'ambito di applicazione della clausola, eccetera.

L'arbitrato è una questione contrattuale e ci sono articoli dettagliati che si possono consultare sulla redazione di clausole arbitrali. Diverse clausole arbitrali modello promulgate dal ICC, LCIA, ICDR UNCITRAL e DIAC sono disponibili per l'uso. Sono deliberatamente modellati in una forma elementare (per soddisfare una serie di situazioni) e dovrebbero essere usati in quella forma senza reinventarli.

3. Uso improprio del controinterrogatorio dei testimoni

Ciò si verifica in genere quando gli avvocati cercano di utilizzare il controesame per dimostrare il loro caso in capo o non riescono a pianificare il controinterrogatorio prima dell'udienza. Il controesame è anche uno degli strumenti più potenti a disposizione per consigliare durante l'udienza, eppure gli avvocati:

  • porre domande aperte sul controinterrogatorio, permettendo al testimone avverso di raccontare la “sua” versione dei fatti,
  • ricorrere al controinterrogatorio per dimostrare il loro caso in capo,
  • perdere tempo in controinterrogatorio sfidando faticosamente ogni nota sull'esame diretto del testimone, soprattutto su questioni non importanti.

Il consiglio più pratico qui è quello di preparare bene il tuo caso. Sapere cosa si vuole ottenere dal testimone, fare una lista e attenersi ad essa. Tranne nel caso insolito, resisti alla tentazione di interrogare il testimone per ore su tutto ciò che ha detto.

4. Sprecare opportunità per persuadere l'arbitro/tribunale

Coloro che commettono questo errore generalmente lo fanno presumendo che l'arbitro condivida la loro conoscenza del caso; non riuscendo ad analizzare e organizzare il loro caso; e l'archiviazione di memorie lunghe e poco convincenti.

I brief dovrebbero essere il più diretti e brevi possibile. Anche se l'arbitro non pone un limite di pagine alle memorie, è meglio ricorrere a limiti federali, statali o locali come linee guida. Inoltre, cerca di mantenere un breve ascolto se è inferiore a 30 pagine.

5. Gioco inutile

Mentre alcuni arbitrati possono richiedere le stesse abilità da macho del contenzioso, alcuni avvocati impiegano tattiche difficili, offuscamento e ritardo troppo spesso e a loro danno. Questi avvocati generalmente:

  • Rifiutarsi di collaborare in qualsiasi modo,
  • Obiezione a quasi tutte le mostre offerte all'udienza dall'altra parte,
  • All'improvviso "scopri" i reperti chiave all'udienza,
  • Pianifica le deposizioni unilateralmente.

L'arbitrato, come il contenzioso, è un processo in contraddittorio; che, tuttavia, non è una licenza per ignorare professionalità e civiltà a favore di colpi di petto e mancanza di collaborazione. È meglio pianificare la tua scoperta e suggerire un piano di scoperta reciproca che soddisfi ragionevolmente le esigenze delle parti e del caso.

6. Supponendo che le regole di prova siano le stesse di quelle in tribunale

Sfortunatamente, è fin troppo comune che gli avvocati non si prendano il tempo necessario per comprendere le regole della prova; e fare obiezioni probatorie inefficaci. In generale, le norme probatorie applicabili ai procedimenti giudiziari non vincolano le udienze arbitrali. L'avvocato dovrebbe sapere quali regole ci sono e agire di conseguenza.

7. Mancata condotta di due diligence sull'arbitro

È meglio conoscere il background professionale e la storia lavorativa del tuo arbitro; conoscere gli elementi di prova necessari e preparare il caso di conseguenza. Procedi con la tua scelta se sei convinto che l'arbitro sia un esperto del settore del tuo cliente o delle particolari questioni legali presentate dal tuo caso. È anche essenziale che sia un individuo intelligente che ha spesso "processato" casi prima, se non come arbitro, quindi come avvocato.

chiedi la consulenza di esperti dei nostri esperti professionisti dell'arbitrato

C'è un sacco di fraintendimenti sul modo in cui funziona l'arbitrato e su cosa ci si aspetta dalla parte. L'arbitrato è un processo legale che è destinato a sostituire il contenzioso. Il processo arbitrale in qualsiasi giurisdizione è sufficientemente complesso da richiedere la dovuta considerazione in tutti gli aspetti e le fasi dell'arbitrato, sia formale che informale. Di solito, la necessaria attenzione ai dettagli è una caratteristica atipica per esperti e professionisti legali esperti.

La legge sull'arbitrato è una parte molto vitale di qualsiasi attività commerciale o vita commerciale, in particolare negli Emirati Arabi Uniti. Il lavoro di un arbitro è fondamentale per il buon funzionamento di qualsiasi attività commerciale, in particolare quando sorgono questioni di controversia commerciale. Elabora le tue opzioni legali e quindi utilizza i servizi di Amal Khamis Advocates per affrontare qualsiasi controversia che potresti avere con un'altra parte.

Amal Khamis Advocates è uno studio legale leader specializzato in arbitrato, mediazione e altri metodi alternativi di risoluzione delle controversie a Dubai, Emirati Arabi Uniti. Abbiamo avvocati e avvocati di arbitrato di grande esperienza negli Emirati Arabi Uniti.  Mettiti in contatto con noi oggi!

Scorrere fino a Top